L'Abruzzo a tavola - G Hotel Pescara
1274
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-1274,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

L’ABRUZZO A TAVOLA

Chiunque trascorra un periodo in Abruzzo non può fare a meno di innamorarsi dei suoi prodotti tipici e della sua cucina che sono conosciuti e apprezzati in tutto il mondo. La cucina abruzzese ha la capacità di offrire una grandissima varietà di piatti e ricette che affondano le loro radici nelle tradizioni pastorali delle aree montane della regione e allo stesso tempo nella cultura marinara che contraddistingue la zona costiera. Per questo tra gli alimenti più utilizzati nella cucina abruzzese ritroviamo il pane, la pasta, la carne, i formaggi e il vino ma allo stesso tempo il pesce ed i prodotti del mare.

Non perdete l’occasione di entrare in contatto con una tradizione culinaria ed una cultura gastronomica tra le più apprezzate d’Italia.

ARROSTICINI

Gli arrosticini sono un piatto simbolo dell’Abruzzo a base di carne di pecora o agnello. Legati alla tradizione pastorale caratteristica della regione, la leggenda racconta che siano stati inventati nei primi del Novecento da due pastori che tagliarono in piccoli pezzi carne di pecora, infilarono i pezzi in bacchette di legno e, staccata una grondaia dal tetto di una casa, li fecero cuocere a carbone. Ancora oggi, nel rispetto della tradizione, gli arrosticini vengono cotti su una griglia detta “canala” in quanto riproduce la forma del canale di una grondaia.

BRODETTO ALLA PESCARESE

Il brodetto di pesce è il piatto caratteristico della cucina marinara dell’Adriatico e molto famosa è la variante conosciuta come Brodetto alla Pescarese. Gli ingredienti principali sono lo scorfano, il gattuccio, i polpetti, il sanpietro, con l’aggiunta di cozze, vongole e aragostine. Caratteristica è l’aggiunta di peperoncino fresco, aglio o cipolla, pomodoro e soprattutto fette sottili di peperone, usanza tipica di questa zona, che danno colore e sapore al piatto.

SECONDI DI PESCE

La cucina abruzzese si caratterizza per l’utilizzo di pesci di piccola taglia e molto saporiti. Tipica è la coda di rospo, detta anche rana pescatrice, preparata alla cacciatora e molto apprezzato è anche il “Fritto di paranza”, un fritto misto di pesci di piccola taglia costituito generalmente da triglie, merluzzetti e sarde.

SAGNE E FAGIOLI

Le sagne sono un formato di pasta tipico del centro Italia e in particolare dell’Abruzzo dove rappresentano un vero e proprio piatto tradizionale. Le sagne si caratterizzano per un’origine “povera”, in quanto preparate con un impasto di acqua, farina e sale, in contrasto con la pasta all’uovo che in passato era propria dei giorni festivi. Il formato caratteristico delle sagne è quello romboidale, ma è particolarmente diffuso anche quello a listelli piatti. Questo formato di pasta, dalla consistenza particolarmente spessa, è solitamente impiegato nella preparazione del piatto sagne e fagioli che è tra i più caratteristici d’Abruzzo.

VINO MONTEPULCIANO D’ABRUZZO

Se si parla di vini non si può non citare il prestigiosissimo Montepulciano d’Abruzzo, famoso e rinomato in tutto il mondo. Vino DOC la cui produzione è consentita nelle sole province di Teramo, Chieti, l’Aquila e Pescara, il Montepulciano d’Abruzzo si caratterizza per il suo intenso colore rosso rubino e per il suo sapore pieno e asciutto; particolarmente consigliato è l’abbinamento con carni rosse o con grigliate di carne suina e ovina e con formaggi pecorini. Si hanno notizie circa la produzione di “vino Montepulciano” nella vallata del Pescara sin dal 1821. Nel 2007 il Montepulciano d’Abruzzo si è affermato come primo vino della categoria DOC per produzione in Italia.

CONFETTI DI SULMONA

Una specialità dolciaria caratteristica dell’Abruzzo è rappresentata sicuramente dai rinomati confetti di Sulmona, la città situata a poca distanza dal Parco nazionale della Majella in cui sorge la più antica fabbrica di confetti in Italia. La leggenda racconta che siano state le suore del convento di Santa Chiara a dare vita all’arte della lavorazione del confetto intorno al XV secolo. I confetti sulmonesi sono prodotti e confezionati in numerose tipologie differenti, tra le più caratteristiche quelle che vanno a formare mazzi di fiori variopinti all’interno dei quali i confetti hanno gusti diversi: dal caramello al cioccolato, dalla vaniglia all’arancia. In alcuni casi vengono persino realizzate delle sculture interamente formate da confetti.