Cultura - G Hotel Pescara
1260
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-1260,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

CULTURA

Città natale di D’Annunzio, Pescara è una città ricca di cultura, arte e tradizioni. Ogni stradina che incrocia il Corso Principale di Pescara svela qualcosa di prezioso da scoprire: le piazze con le bellissime fontane, le antiche Chiese con la loro storia, Monumenti e Musei. Vivacissimo polo culturale, Pescara è spesso sede di importanti eventi anche di rilevanza internazionale.

Per coloro che cercano una vacanza “di spessore” animati dalla voglia di conoscere e sapere, il G Hotel Pescara 4 stelle è il luogo ideale.

CASA NATALE DI GABRIELE D’ANNUNZIO

La casa natale di Gabriele D’Annunzio si trova sul corso Manthoné e si presenta ancora con lo stile e gli arredi dell’800. Ogni stanza è illustrata da un brano del Notturno, la raccolta di prosa lirica scritta dal poeta nel 1916. É possibile visitare lo studio, la camera del poeta e del fratello Antonio, la camera della zia Maria e quella dei genitori. Sono esposti anche indumenti, documenti di famiglia e lettere autografe.

MUSEO DELLE GENTI D’ABRUZZO

Nella città vecchia si trova il Museo delle genti d’Abruzzo, al cui interno viene raccontata la storia dell’uomo in Abruzzo dal Paleolitico fino alla metà del ‘900. Si possono vedere da vicino gli abiti tradizionali dei pastori, gli stazzi, gli oggetti della transumanza, una capanna di pietre assemblate a secco e i coloratissimi abiti dei matrimoni utilizzati in antichità.

CATTEDRALE DI SAN CETTEO

La cattedrale di San Cetteo, la chiesa più importante di Pescara alla quale Gabriele D’Annunzio diede un contributo economico per la realizzazione, si trova nel cuore del centro storico. All’interno della Cattedrale si possono ammirare la tomba di Luisa De Benedictis D’Annunzio (madre del poeta) e un organo in canne dorate, considerato tra i più belli d’Abruzzo.

PINETA DANNUNZIANA

La Pineta Dannunziana (precedentemente Pineta D’Avalos), è una riserva naturale di pini secolari che si estende per 53 ettari. Cinque sono le aree in cui è stata suddivisa la Pineta, una di proprietà privata mentre le altre quattro sono di proprietà del Comune. La Pineta era uno dei luoghi più amati da D’Annunzio, a cui sono dedicati un obelisco di 65 metri e il teatro all’aperto.

AURUM

Il palazzo fu costruito nel 1910, come stabilimento balneare per famiglie agiate. Negli anni Venti la struttura divenne una distilleria, con l’idea di Gabriele D’Annunzio e dei fratelli Pomilio di creare il liquore Aurum. A causa della crisi degli anni Settanta, la distilleria Aurum si trasferì e l’edificio rimase abbandonato fino al 2003, anno in cui fu restaurato e trasformato in centro polifunzionale in cui si tengono mostre, concerti e incontri culturali a ingresso gratuito. La struttura si trova all’interno della Pineta Dannunziana.

NAVE DI CASCELLA

Sul lungomare di Pescara, presso Largo Mediterraneo, si trova la Nave di Cascella, una nave scultorea in marmo di Carrara che l’artista Pietro Cascella ha donato al Comune di Pescara. La Nave rappresenta il monumento cittadino principale e raffigura un’antica imbarcazione a remi per celebrare la tradizione marinara di Pescara.

MUSEO DEL MARE

Vicino al Ponte del Mare si trova il Museo del Mare, museo dedicato al mare e al rapporto dell’uomo con esso. Al suo interno si possono ammirare scheletri di cetacei, una collezione di oltre 5000 conchiglie provenienti da tutto il mondo, reperti archeologici, una vasta sezione ittica e vari esemplari di tartarughe marine. Inoltre ci sono foto d’epoca e attrezzature da pesca per documentare il rapporto che avevano i pescaresi con il mare.

COSTA DEI TRABOCCHI

La costa abruzzese si contraddistingue per la presenza di particolari e storiche macchine da pesca fissate alla roccia, dall’architettura leggera ma solida, in grado di sopportare il peso della rete da pesca e le sollecitazioni delle tempeste marine. Queste macchine da pesca su palafitta sono i cosiddetti Trabocchi, da cui il tratto di litorale prende il nome di “Costa dei Trabocchi” che si estende tra Vasto e San Vito Chietino.